adesioni

Ultime sottoscrizioni
21Francesco BenincasaBarcellona (Spagna)mag 09, 2014
20Costa Nostra Costa NostraCuringamag 09, 2014
19Giovanna VingelliRendemag 09, 2014
18Bruno PinoCosenzamag 08, 2014
17OSSERVATORIO NAZIONALE AMIANTOCosenzamag 07, 2014
16associazione di volontariato cotroneinformacotronei (KR)mag 07, 2014
15laboratorio politico p2 occupataUnical s.r.l (saperi a responsabilità limitata)mag 06, 2014
14Paolo De MarcoSan Giovanni in Fiore (cs)mag 06, 2014
13ANNA CHIEFFACAMPORA S.G.mag 06, 2014
12FIOM Calabriamag 06, 2014
11Rosario CitrinitiPentone (CZ)mag 05, 2014
10Amici della Montagna di Bisignano (Adm Calabria)Bisignanomag 03, 2014
9LIPU sezione di Rendemag 03, 2014
8Donatella Quattronemag 01, 2014
7maria grazia bisurgiRende (CS)apr 30, 2014
6Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica "B. Arcuri"apr 29, 2014
5CGIL AMANTEAapr 29, 2014
4maria luisa caligiuricrotoneapr 28, 2014
3antonio tallaricoSavelli apr 27, 2014
2Gemma PiccoliCastagna di Carlopoliapr 22, 2014
1giuseppe didonnacariatiapr 18, 2014

Comitato Difesa del Territorio – DONNICI, COSENZA (CS)
Comitato Ambientale Presilano – CELICO (CS)
Comitato per le bonifiche dei terreni, dei fiumi e dei mari della Calabria – PRAIA A MARE (CS)
Comitato No Discarica Pianopoli – SERRASTRETTA, PIANOPOLI, LAMEZIA TERME (CZ)
No discarica Giani – LAGO (CS)
Comitato civico spontaneo per il “NO” alla piattaforma rifiuti – BISIGNANO (CS)
Comitato Territoriale Valle Crati, Rifiuti Zero – TORANO CASTELLO (CS)
Comitato No Mega Discarica – CASTROLIBERO (CS)
Associazione no discariche nei centri urbani – RENDE (CS)
Comitato antidiscarica – SCALA COELI (CS)
Movimento Terra, Aria, Acqua e Libertà – CROTONE
Comitato per la Difesa dei Beni Comuni – ACRI (CS)
associazione Paolab – PAOLA (CS)
Badolato in Movimento – BADOLATO (CZ)
Solidarietà e Partecipazione – CASTROVILLARI (CS)
ass. il Riccio – CASTROVILLARI (CS)
ass. La Piazza CLETO (CS)
Csoa Angelina Cartella – REGGIO CALABRIA
Cpoa Rialzo – COSENZA
Lsa Assalto – RENDE (CS)
ass. Le Lampare – CARIATI (CS)
movimento Terra e POPOLO – ROSSANO (CS)
ass. Il Brigante – SERRA SAN BRUNO (VV)
ass. Fratorel – CORTALE (CZ)
ass. Net-left – SAN DONATO DI NINEA (CS)
LSOA Ex-Palestra – LAMEZIA TERME (CZ)
Scuola del Vento – CAMPO ROM COSENZA
ass. Forum Ambientalista – CALABRIA
Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica “Bruno Arcuri” – CALABRIA
Rete per la Difesa del Territorio “Franco Nisticò” – CALABRIA
C.S.C. Nuvola Rossa – VILLA SAN GIOVANNI (RC)
Collettivo UniRC-AteneinRivolta – REGGIO CALABRIA
Ass. Magnolia – REGGIO CALABRIA
LIPU – Sede Provinciale Cs – COSENZA
Vas Onlus (Verdi Ambiente e Società) – CALABRIA
Cambiamendicino – MENDICINO (CS)
GAS Esperia – REGGIO CALABRIA
Ateneo Controverso – COSENZA

 

Share

3 Responses to adesioni

  1. Prima la gestione commissariale, ora una giunta che, al di fuori di
    qualsiasi regola, gestisce il ciclo dei rifiuti come cosa propria. La
    speculazione sull’emergenza rifiuti è una precisa scelta politica. Un
    finanziamento legalizzato all’avvelenamento. La difesa dei territori
    viene dalle popolazioni, che oggi lottano per fermare questa situazione.

    E’ necessario per superare l’attuale fase che la giunta regionale e la
    classe politica che hanno prodotto questo scempio si dimettano.
    Rimettiamo al centro il diritto dalla salute, la partecipazione, il
    cotrollo diretto da parte dei cittadini.

    Collettivo P2Occupata

  2. Moccia Giuseppe scrive:

    ci sono perchè decido io.

  3. IL “BRUNO ARCURI” ADERISCE AL CORTEO REGIONALE DEL 10 MAGGIO A COSENZA

    Soprattutto nelle realtà meridionali la questione dei rifiuti e quella dell’acqua trovano moltissimi dolenti punti in comune. Tra la gestione privata, che socializza debiti e capitalizza gli utili, e le anomalie normative che autorizzano qualunque arbitrio, ci si ritrova con servizi sempre più scadenti, tariffe sempre più alte, acqua sempre più imbevibile e territori sempre più devastati da discariche.

    Tra le tante anomalie delle quali soffrono i nostri territori, il caso del bacino artificiale dell’Alaco è quello che con buona probabilità le racchiude tutte, sversamento di sostanze pericolose, gestione criminale delle risorse idriche, inquinamento doloso, conflitti d’interesse tra controllori e controllati, esborsi di denaro pubblico da capogiro, sottratti alle reali esigenze dei calabresi.

    Davanti ad una situazione del genere rimanere basiti e fermarsi all’indignazione da prima pagina di quotidiano, ha poca rilevanza, agire concretamente nei territori per ristabilire i principi di partecipazione delle persone nei processi decisionali, appare l’unica strada, realmente utile, per trovare delle soluzioni che pongano un freno alle speculazioni in atto.

    La riappropriazione del processo decisionale, da parte dei calabresi, passa attraverso l’abbandono definitivo del sistema delle società partecipate e in house. Le aziende speciali sono l’unico strumento, attualmente disponibile a livello normativo, per marginalizzare il più possibile il pericolo di razzia di risorse e territorio. Con le partecipate deve di pari passo essere abbandonato il sistema dei grandi impianti e delle grandi centrali, in favore della diffusione di piccole esperienze diffuse, dai grandi bacini di invaso si deve necessariamente passare al ripristino dei pozzi comunali, che per decenni hanno garantito acqua potabile in sufficiente quantità.

    La truffa del privato è bello deve finire, in quanto il privato ha sferrato colpi durissimi alla salute e alle tasche delle persone, oscurando i processi decisionali ed erodendo risorse per tutte quelle opere di vitale importanza per la collettività, come scuole, ospedali, e trasporti.

    E’ per queste motivazioni che il Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica “Bruno Arcuri”, aderirà e contribuirà alla manifestazione regionale indetta il 10 maggio dai comitati calabresi che negli ultimi mesi stanno lottando contro la gestione scellerata e criminale del ciclo dei rifiuti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>